COS’È L’UPCYCLING

L’upcycling significa riutilizzare gli oggetti per creare un prodotto di maggiore qualità, reale o percepita. 

E’ un processo di riuso e conversione migliorativo applicato a prodotti dismessi o materie prime di scarto.

L’upcycling è l’opposto del downcycling , che è l’altra parte del processo di riciclaggio . Il downcycling comporta la conversione di materiali e prodotti in nuovi materiali, a volte di qualità inferiore. 

La maggior parte del riciclaggio comporta la conversione o l’estrazione di materiali utili da un prodotto e la creazione di un prodotto o materiale diverso.

L’Upcycling e la sua differenza col Riciclo

L’Upcycling non è sinonimo di recycling (riciclo), che significa trasformare i rifiuti in un prodotto adatto a un nuovo utilizzo.

La traduzione che più si avvicina è riuso creativo, l’oggetto scartato non trova solo nuova vita, ma lo fa acquistando un maggior valore rispetto all’oggetto o al materiale originario:
“A differenza del riciclo (re-cycling), in cui si riporta indietro un materiale nel suo ciclo di vita alle proprietà originarie, l’up-cycling lo valorizza grazie a un design intelligente che lo rende più interessante a livello economico, estetico ed emotivo”, scrive Max McMurdo, designer con alle spalle studi sulle pratiche di riuso creativo, nel suo manuale “UPCYCLING, ovvero l’arte del recupero ricco di idee originali”.

In Upcycling, Max McMurdo insegna a far emergere il designer che è in noi. Scoprire come scovare preziosi materiali da recuperare, apprendere le tecniche per trasformarli in nuovi oggetti, donando loro un valore aggiunto e un tocco personale. Se pensate che comprare un mobile nuovo sia la miglior soluzione, vi ricrederete!

Capita spesso di conservare oggetti che hanno esaurito il loro compito, ma che non riusciamo a gettare. Perché non donare loro nuova vita? Magari risparmiando i costi di smaltimento e proteggendo l’ambiente con questo nuovo modo di fare ecologia.

Questi prodotti sono molto apprezzati da tutte quelle persone che hanno uno di stile di vita ecocompatibile. Perché l’upcycling non fa perdere valore all’oggetto, anzi gli dà una nuova vita facendolo tornare come nuovo senza consumare risorse del territorio.

Inoltre, il riciclaggio, pur contribuendo a migliorare notevolmente l’impatto ambientale, contribuisce ad alimentare la mentalità dell’usa e getta. È un processo che tenta di trovare una soluzione ad un problema già esistente, piuttosto che cercare di prevenirlo. 

La migliore cura è la prevenzione: ridurre la quantità di materiale a perdere, piuttosto che trovare un modo di evitare che esso deteriori l’ambiente in cui viviamo.

I tre vantaggi dell’upcycling

1 Evitare gli sprechi

Uno dei maggiori vantaggi dell’upcycling è quello di “salvare” oggetti o vestiti che altrimenti sarebbero stati buttati, dando loro una seconda vita. 

2 Unicità

Consideriamo la modalità più “casalinga” e fai da te dell’upcycling, dare una nuova vita a un capo significa anche creare qualcosa di completamente unico.

3 Risparmio

Si tratta di salvare gli oggetti destinati ai rifiuti o dimenticati nelle soffitte che vengono rimessi a nuovo, destinati a una nuova vita spesso diversa da quella per cui l’oggetto era stato creato. Ad esempio non siamo più abituati a intendere i vestiti come un bene duraturo, che ci accompagna per anni e che possiamo, perché no, passare alle future generazioni. Il fatto che i vestiti fast fashion costino così poco ci fa diventare dei consumatori usa e getta, e la vita media di un capo si abbassa sempre di più.

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: