UE: L’elettronica di lunga durata giova all’ambiente, al clima e all’economia circolare

L’industria elettrica ed elettronica contribuisce all’Europa socialmente ed economicamente da quasi 100 anni.

Tuttavia, la produzione, l’uso e lo smaltimento dell’elettronica sono attività ad alta intensità di risorse che si traducono in impatti ambientali e climatici significativi.

Estendere la durata e ritardare l’obsolescenza dell’elettronica può ridurre in modo significativo il loro impatto ambientale e climatico e contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’Unione europea (UE) in materia di ambiente, clima ed economia circolare.

Questo briefing dell‘Agenzia europea dell’ambiente ( EEA ) descrive come aumentare la durata del prodotto e migliorare la “circolarità” siano passaggi essenziali per ridurre gli impatti dell’elettronica.

I casi di studio di 4 diversi gruppi di prodotti elettronici smartphone, televisori, lavatrici e  aspirapolvere mostrano che esiste il potenziale per aumenti significativi nel loro utilizzo effettivo. 

Estendere la durata e ritardare l’obsolescenza dell’elettronica può ridurre notevolmente gli impatti e contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’UE in materia di ambiente, clima e circolarità.

Messaggi chiave

  • Ogni anno nell’UE vengono immessi sul mercato in media oltre 20 kg di prodotti elettrici ed elettronici per persona nell’UE, inclusi grandi elettrodomestici come lavatrici, aspirapolvere, frigoriferi e congelatori, nonché elettronica e gadget come computer, TV e telefoni cellulari. (Eurostat, 2019a)
  • I casi di studio di quattro diversi gruppi di prodotti elettronici mostrano che tutti hanno una vita media effettiva che è di almeno 2,3 anni inferiore a quella progettata o desiderata. Esiste il potenziale per aumenti significativi nell’uso effettivo di questi prodotti.
  • Estendere la durata e ritardare l’obsolescenza dell’elettronica può ridurre significativamente gli impatti e contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell’UE in materia di ambiente, clima e circolarità. L’abilitazione e il potenziamento dei modelli di business circolari supportati dallo sviluppo e dall’attuazione di misure efficaci – progettazione ecocompatibile, etichettatura energetica, appalti pubblici verdi (GPP) e responsabilità estesa del produttore (EPR) – possono supportare questo.

È possibile esaminare la durata dei prodotti elettronici confrontando la durata effettiva con la durata progettata e desiderata:

  • La durata effettiva si riferisce all’intervallo tra il momento in cui un prodotto viene venduto e il momento in cui viene scartato o sostituito.
  • La durata di vita progettata è la durata in cui un produttore intende che il suo prodotto rimanga funzionale, modellato attraverso il design e il servizio post-vendita ecc.
  • La durata desiderata è stata definita come il tempo medio in cui i consumatori desiderano che i prodotti durino.

La differenza tra la durata effettiva, progettata e desiderata di smartphone, aspirapolvere, televisori e lavatrici (che sono stati analizzati nei casi di studio alla base di questo briefing) è mostrata nella Figura qui sotto

Durata di vita di smartphone, televisori, lavatrici e  aspirapolvere
elettronica di lunga durata
Immagine: eea.europa.eu/

Come si può vedere da questo studio dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) smartphone, televisori, lavatrici e aspirapolvere vengono utilizzati in media ( almeno 2,3 anni) per periodi più brevi rispetto alla durata prevista e desiderata.

Ciò significa che esiste un potenziale significativo per aumentare la durata di vita di questi prodotti, ad esempio, rendendoli più facili da usare per periodi più lunghi, il riutilizzo, la riparazione, la rigenerazione o il riciclaggio.

Smartphone, televisori, lavatrici e aspirapolvere

Al fine di esaminare più in dettaglio la durata e gli impatti ambientali dell’elettronica, nell’ambito di questo studio sono stati elaborati quattro casi di studio per smartphone, televisori LCD, lavatrici e aspirapolvere.

I materiali utilizzati in un prodotto elettronico sono un fattore importante nel determinare la durata e la possibile obsolescenza di quel prodotto. I materiali utilizzati nell’elettronica variano considerevolmente, come mostrato nella Figura sotto.

Per gli smartphone , il materiale principale è il vetro seguito da alluminio, rame e materie prime critiche. Per i televisori LCD i materiali principali sono ferro, plastica e vetro.Anche gli aspirapolvere sono realizzati principalmente con plastica e ferro, mentre le lavatrici sono realizzate principalmente con ferro, cemento e plastica. 

Contenuto medio di smartphone, televisore LCD, lavatrice e aspirapolvere
elettronica di lunga durata
Immagine: eea.europa.eu/

Per migliorare la “circolarità” dei prodotti elettronici, il briefing dell’AEA sottolinea la necessità di rafforzare i requisiti di progettazione ecocompatibile dei prodotti e di migliorare il loro potenziale di riparazione, smaltimento e rifabbricazione.

CONTINUA A LEGGERE QUI TROVI IL REPORT COMPLETO

INFO: https://www.eea.europa.eu/highlights/longer-lasting-electronics-benefit-environment

Il sistema operativo di gestione dei RAEE. Gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche (Italiano)

Questo articolo è acquistabile con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente quando venduto e spedito direttamente da Amazon.

PUNSET
GRAPPA DI NEBBIOLO INVECCHIATA

GREENERIADISOSA.LETSELL.COM

La selezione dei prodotti di qualità ed eccellenze ambientali delle nostre aziende, degli artigiani e dei produttori di qualsiasi settore merceologico della Green Economy, che non c’era direttamente a casa tua.

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: