Blockchain per tracciare la plastica

Più volte ci siamo chiesti se la blockchain potrebbe essere la chiave dell’economia circolare.

Una soluzione potrebbe darla nel rendere la catena di approvvigionamento della plastica più trasparente, equa e redditizia, tracciandone lungo la catena la provenienza di tutti i materiali, prodotti e componenti dalla produzione fino alla fine della linea. 

Una possibile soluzione la sta sviluppando una Start-up olandese Circularise  che utilizza una combinazione di blockchain, tecnologia peer-to-peer e tecniche crittografiche per costruire una piattaforma di archiviazione e comunicazione decentralizzata delle informazioni. Insieme ai partner del progetto Domo fornitore di poliammide e Covestro produttore di polimeri sta lavorando all’implementazione di questa soluzione nel settore delle materie plastiche.

L’obiettivo finale è quello di creare uno standard aperto per la condivisione dei dati sull’origine delle resine o dei materiali: informazioni importanti per passare a modelli di produzione circolari che aiutano l’industria delle materie plastiche ad aumentare l’uso del contenuto riciclato e a diminuire l’uso della plastica vergine.

Le tre società sopra hanno creato un consorzio soprannominato Circularise Plastics per sviluppare e pilotare il sistema.

In definitiva, un produttore di prodotti potrebbe utilizzare la documentazione digitale tracciata nel sistema Circularise Plastics per verificare le affermazioni fatte al riguardo. Altrimenti, pochissimi di loro hanno visibilità sulla fonte di materie plastiche oltre il primo livello dei loro fornitori.

Questo standard migliorerebbe la trasparenza lungo l’intera catena del valore delle materie plastiche.

Rendere molto più semplice la prova della provenienza di un oggetto, nonché la comunicazione di informazioni quali contenuto riciclato, rapporti di audit e certificati ai clienti e ai consumatori finali.

MISSIONE “CIRCULARISE”

Accelerare la transizione verso un’economia circolare e consentire pratiche sostenibili su vasta scala promuovendo informazioni affidabili e standardizzate sui flussi di materiali, sulla composizione e sui componenti dei materiali.

La soluzione creata da Circularise potrebbe teoricamente essere utilizzata per altri settori: tessili, metalli, automobilistico, elettronica e altro ancora anche se oggi la maggior parte della sua attenzione è rivolta al problema della plastica e all’avanzamento di questo sistema. 

Fonte: https://circulareconomy.europa.eu/, https://packagingeurope.com/

Info: https://www.circularise.com/

Unisciti a 295 altri iscritti

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: