ICESP: otto priorità per l’Agenda strategica nazionale per l’economia circolare

Web Hosting

Crescono le adesioni alla piattaforma di Enea per l‘economia circolare. In due anni di vita Icesp (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) ha raggiunto circa 100 adesioni tra istituzioni, imprese, associazioni, organizzazioni sindacali, università, enti di ricerca, regioni e comuni.

Dal 27 al 29 Novembre a Roma si è tenuta la seconda conferenza nazionale che ha tracciato un bilancio dell’iniziativa e individuato le otto priorità per l’Agenda strategica nazionale per l’economia circolare, sull’ esempio di quanto fatto in altri Paesi europei.

Le otto priorità di azione per un’Agenda strategica nazionale includono: strumenti economici, normativi, regolamentari, tecnici e di monitoraggio, iniziative per sviluppare il mercato dei sottoprodotti e dei materiali riciclati, potenziare il sistema infrastrutturale, formare nuove professionalità e diffondere la cultura della circolarità.

L’alto numero di adesioni è un segnale molto positivo che conferma l’attenzione del nostro Paese per l’economia circolare. Oggi siamo ai primi posti in Europa, ma dobbiamo portare avanti proposte e progetti concreti per superare le attuali barriere e non perdere posizioni”, ha commentato il Presidente dell’ENEA Federico Testa –. “La piattaforma è un esempio particolarmente significativo di collaborazione fra realtà diverse, ma tutte essenziali delle diverse fasi della catena di valore. L’obiettivo è di lavorare tutti insieme con progetti e azioni pratiche, sinergiche ed integrate che consentano al sistema Paese di cogliere le grandi opportunità dell’economia circolare”.

Federico Testa presidente ENEA

The Circular Economy: A User’s Guide di Walter R. Stahel

Cos’è ICESP:

La piattaforma delle parti interessate dell’economia circolare italiana ( ICESP ) è stata istituita nel 2018 sotto la guida dell’ENEA come piattaforma speculare della piattaforma delle parti interessate dell’economia circolare europea (ECESP), alla quale contribuisce come membro del gruppo di coordinamento ECESP. 

L‘ICESP promuove la via italiana per l’economia circolare attraverso il coinvolgimento delle parti interessate italiane impegnate nella questione e attraverso la loro partecipazione a numerosi gruppi di lavoro relativi a temi e settori specifici dell’economia circolare. 

Ad oggi hanno partecipato al processo oltre cento parti interessate di aziende, istituzioni, ricerca e società civile.

I nuovi membri della Piattaforma, nata nel 2018 sul modello e richiesta della Piattaforma europea Ecesp (Circular Economy Stakeholder Platform), includono  Acea Ambiente, Confartigianato, Utilitalia, Cgil, Cisl, Uil, Confindustria Venezia Giulia, Cluster Agrifood, Legacoop Puglia, Politecnici di Milano e di Bari, Confetra, Fise Assoambiente, Italbiotec, Consorzio Italiano Compostatori e Amici della Terra, che si affiancano ai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico, all’Agenzia per la Coesione Territoriale e a realtà quali Enel, Eni, Hera, Novamont, Nespresso, Confindustria, CNA, Unioncamere, Fise Unicircular e diverse Regioni (Emilia Romagna, Puglia, Lombardia, Umbria).

Web Hosting

Info: Enea.it

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: