Olimpiadi di Tokyo 2020: medaglie recuperate da rifiuti elettronici

Le medaglie che vedremo al collo degli atleti sul podio delle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020, saranno prodotte con i materiali recuperati dai rifiuti elettronici.

Questa l’idea del comitato organizzatore dei Giochi Olimpici e Paraolimpici che si terranno in Giappone nel luglio 2020. In pratica recuperare l’oro, l’argento e il bronzo contenuto nei vecchi cellulari e in altre piccole apparecchiature elettroniche dismesse, come laptop e digital camera, per farne le 5.000 medaglie destinate agli atleti.

Gli apparecchi elettronici infatti, sono delle vere miniere di materiali preziosi. Da un solo cellulare si ricavano in media 0,048 grammi d’oro, 0,26 grammi d’argento e 12 grammi di rame, il principale componente del bronzo. In questi devices inoltre non ci sono solo  oro e argento,  ma anche metalli come platino, palladio, alluminio e le cosiddette terre rare preziose per l’industria, piccoli quantitativi ma considerate le dimensioni del mercato elettronico del Sol Levante si fa in fretta a raggiungere cifre da capogiro.

Lanciato con l’obiettivo di sensibilizzare i giapponesi contro gli sprechi, Medal Project ha suscitato l’interesse di moltissimi cittadini in 1600 diversi municipi che hanno ceduto i loro vecchi smartphone o devices.

Gli organizzatori dei Giochi hanno detto che si aspettano di raccogliere entro fine aprile la quantità di dispositivi elettronici obsoleti sufficiente a premiare tutti gli atleti. Sono già state raccolte 47.888 tonnellate di «scarti» entro novembre, ovvero 19 mesi dopo il lancio del progetto delle medaglie «eco-sostenibili». L’obiettivo è di raccogliere 30,3 chili di oro, 4.100 chili di argento e 2.700 chili di bronzo. Ovvero il «peso» complessivo degli allori previsti per gli atleti. «Siamo già a buon punto» spiegano gli organizzatori: il quantitativo di metallo per il terzo posto è stato raggiunto a giugno, mentre manca poco per l’oro (siamo già al 90 per cento) e l’argento (85 per cento). Anche a a Rio 2016 era stato utilizzato materiale riciclato, ma solo per il 30 per cento delle medaglie d’argento e di bronzo assegnate. Tokyo 2020 vuole invece fare l’en plein: e arrivare al 100 per cento.

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: