Dagli scarti della buccia d’arancia filati biodegradabili

Orange Fiber è l’unico brand a produrre il primo tessuto sostenibile da agrumi al mondo.

Orange Fiber ha sviluppato un processo che chiude il ciclo sugli scarti di agrumi: estraendo la fibra di cellulosa dalla buccia d’arancia, l’avvio siciliano può trasformare queste fibre in filati biodegradabili. 

La tecnica brevettata dell’azienda gioca sui driver di mercato di consumatori e produttori. Mentre la domanda dei consumatori di materiali sostenibili è in aumento, le aziende produttrici di succhi di agrumi devono affrontare oneri e sfide crescenti nel corretto smaltimento dei rifiuti.

Collegando l’innovazione di Orange Fiber al patrimonio culturale dell’industria dell’arancia in Sicilia, l’azienda è stata in grado di attirare l’attenzione dei marchi di moda di fascia alta. Il suo filato è stato portato sul mercato per la prima volta da Salvatore Ferragamo, che ha lanciato una capsule collection daily wear con la fibra al Earth Day 2017.

“Hanno colto un’opportunità dove altri vedevano solo un problema, hanno sviluppato un processo industriale virtuoso che  permette di ridurre gli sprechi e l’inquinamento, trasformando i sottoprodotti dell’industria agrumicola in una nuova risorsa per il mondo della moda”.

L’utilizzo degli scarti di agrumi da parte di Orange Fiber non ostacola la produzione alimentare stessa, ma riduce gli sprechi generati a seguito della lavorazione delle arance. Con 700.000 tonnellate di rifiuti di agrumi che vengono smaltiti ogni anno in Italia, un mercato considerevole fornisce sufficienti materie prime per l’azienda da scalare.

La fibra arancione ha:

info:http://orangefiber.it/

www.economia-circolare.info

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: