Perché gli investitori non possono più ignorare l’esposizione alle vere minacce di essere “lineari”

Ginevra, 6 giugno 2018 : il World Business Council per lo sviluppo sostenibile, Circle Economy , PGGM , KPMG e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo lanciano il ” Linear Risks Essay ” che dimostra le reali minacce commerciali che le pratiche economiche lineari stanno creando. Questi includono i rischi associati all’uso di risorse scarse e non rinnovabili; prioritizzazione e vendita di prodotti realizzati con risorse vergini; l’incapacità di collaborare; e in mancanza di innovare o adattarsi. Questi sono tutti fattori che incideranno negativamente sulla capacità delle organizzazioni di continuare la propria attività come al solito.

“I rischi lineari sono reali: il passaggio a un’economia circolare cambierà i rischi aziendali, i flussi di cassa e le relazioni con i clienti per le imprese, il settore finanziario dovrà adattarsi a questi cambiamenti per poter offrire i prodotti e i servizi di cui avranno bisogno le imprese”. -Frido Kraanen, direttore del gruppo di lavoro Responsible Entrepreneurship PGGM e Project Lead FinanCE

Sempre più aziende si confrontano con i “rischi lineari” come la volatilità dei prezzi, i fallimenti della catena di approvvigionamento e le multe o le cause legali dovute a modifiche della legislazione. Questo approccio lineare non solo causa gravi minacce aziendali, ma ostacola anche la nostra capacità di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, l’accordo di Parigi, o di colmare il divario di circolarità globale del 91%. Poiché questi rischi sono radicati nella configurazione lineare della nostra economia, vi è un’urgente necessità di avviare un dialogo con la comunità finanziaria e imprenditoriale sulle potenziali implicazioni al fine di esplorare soluzioni.

“Il saggio ‘Linear Risks’ è un pezzo pionieristico che sta ridefinendo il dibattito sull’economia circolare sulla strada da seguire: è una lettura obbligata per le imprese e gli imprenditori poiché i rischi lineari sono reali. – Harald Friedl, CEO Circle Economy.

Questo saggio, co-autore di Circle Economy , PGGM , KPMG , WBCSD e EBRD , ha lo scopo di aumentare la consapevolezza e creare un dialogo costruttivo con la comunità finanziaria e imprenditoriale per comprendere e modellare meglio i “Rischi lineari”: l’esposizione agli effetti di pratiche commerciali lineari che avranno un impatto negativo sulla capacità di un’organizzazione di continuare come azienda in continua evoluzione. Le imprese affrontano questi rischi se utilizzano risorse scarse e non rinnovabili, danno priorità alle vendite di nuovi prodotti, non collaborano e non riescono a innovare o ad adattarsi. Se non risolti, questi potrebbero avere gravi effetti sul settore finanziario e sulla nostra economia globale.

“Speriamo che questo saggio enfatizzi l’urgenza e l’importanza di prendere in considerazione il rischio reale della nostra economia lineare. Attendiamo con impazienza di sviluppare questo saggio insieme ai nostri partner e alla più ampia comunità imprenditoriale per assicurare infine che i “Rischi lineari” diventino parte integrante del processo decisionale finanziario”
Shyaam Ramkumar,Manager del settore Knowledge and Innovations Circle

L’economia circolare può fornire una soluzione per mitigare questi “rischi lineari”. L’economia circolare è un concetto economico emergente che fornisce nuovi modelli di business e strategie per riutilizzare continuamente materiali e risorse al loro massimo potenziale e mira a raggiungere il benessere sociale mentre opera entro i confini del nostro pianeta.

Chiediamo a tutte le parti interessate di affrontare efficacemente i “rischi lineari”.

Suggeriamo quattro distinte misure di follow-up:

1. Collaborare per approfondire la comprensione dei ‘Rischi lineari’ basandosi su questo saggio con i gestori del rischio e tradurre ‘Rischi lineari’ in un linguaggio di gestione dei rischi finanziari
2. Comprendere le implicazioni a breve ea lungo termine di questi “rischi lineari” e il modo in cui influenzano la comunità economica e finanziaria attraverso varie scale temporali
3. Creare forum con investitori e stakeholder aziendali per testare il concetto di “Rischi lineari” e lavorare verso un programma di implementazione pratica per integrare i “Rischi lineari” nei processi di gestione del rischio aziendale (ERM) stabiliti
4. Affrontare in modo specifico le sfide di divulgazione dei “Rischi lineari” ed esplorare in che modo l’attuale movimento per la divulgazione dei rischi di cambiamento climatico nei portafogli possa servire da modello per incorporare i “Rischi lineari”.

Basandoci su questo saggio, intendiamo promuovere ulteriori ricerche per sviluppare metriche e strumenti specifici per i “rischi lineari” che rendano più facile per gli investitori spiegarli nella loro analisi. E alla fine, speriamo che i “Rischi lineari” diventino parte integrante del processo decisionale nella comunità finanziaria e imprenditoriale.

httpS://www.economia-circolare.info

 

Commenta il tuo parere per economia-circolare è importante... GRAZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: